top of page

COME PORSI OBIETTIVI REALISTICI …E RAGGIUNGERLI.

Aggiornamento: 23 mar 2022


Prima di iniziare, vi faccio una domanda: vi siete mai prefissate obiettivi che non avete raggiunto? A me e’ capitato decisamente tante volte e so quanto frustrante e demotivante possa essere. Di solito va cosi: si parte spinte da un bisogno interiore od una spinta esterna, entusiaste per un breve periodo…Poi si comincia a prioritizzare altro e si perde il focus iniziale…Trovandosi sempre piu’ lontane dalle certezze di partenza e demoralizzate.


L’aspetto peggiore sta nel fatto che, ogni volta che NON raggiungiamo un obiettivo che ci siamo preposte, quest’esperienza va a rinforzare la nostra storia personale a riguardo.


Una delle frasi che ahime’ troppo spesso noi trainers ci sentiamo dire e’ “Ho iniziato ad allenarmi tante volte, ma poi abbandono sempre, quindi non ha senso”.


Che tra le righe significa “Inutile mettermi in gioco, sono destinata a restare ferma dove sono” (…Anche se dove sono non mi piace poi tanto…).


Se ti riconosci, sappilo: non sei sola! Io stessa ho sperimentato questo riguardo al mio rapporto con il cibo, e so esattamente come ci si sente.


Ora pero’ siamo qui insieme per trovare la soluzione, o no?...


Punto di partenza: TU NON SEI LA RAGIONE PER CUI GLI OBIETTIVI NON SI SONO REALIZZATI. TU SEMPLICEMENTE NON ERI “SETTATA” NEL MODO CORRETTO PERCHE’ POTESSI RIUSCIRCI. IN ALTRE PAROLE, ERANO I MEZZI AD ESSERE SBAGLIATI DAL

GIORNO 1.


Esempio:

  • Obiettivo: voglio perdere 5 kg

  • Decido di andare in palestra almeno 4 volte a settimana e come minimo per un’ora (se devo perderli, mi butto a testa bassa!)

  • Riesco a seguire questa routine pe 2-3 settimane, a seguito di uno sforzo organizzativo immane

  • La settimana 4 perdo due allenamenti, proprio non ce la faccio: “Ecco, vedi che e’ impossibile?”

  • Mi sento solo stressata all’idea di dover incastrare anche quello nella mia gionata

  • La motivazione decresce e… “No, non ce la faro’ mai, inutile” e mollo

  • Dopo qualche settimana o mese la decisione ritorna: via, mi reiscrivo!

  • Scelgo ovviamente di “hit hard”…Devo perdere 5 kg!!

  • MMMH…Inizio lunedi.

  • Mangio fino all’oblivion fino a lunedi…Tanto poi comincio ad allenarmi.

  • Biiiip: RE-WIND e REPEAT per anni!!


Come ti senti: male nei confronti di te stessa perche’ non sei riuscita a cambiare quello che non ti piace, ma anche con sempre piu’ alibi da utilizzare al tentativo successivo.


Cosa invece e’ successo davvero: ERA SBAGLIATO IL PROCESSO DI DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI.


Suona banale? Forse. Ma credimi: qui sta la differenza tra il “settarti” per il successo oppure per il fallimento, dal giorno UNO.


Bene…Quindi??


…Quindi pensiamo ad un modello che possa aiutarci a superare questo enorme limite che troppo spesso sta tra noi e quello che vorremmo essere.


GOAL SETTING – IL PROCESSO STEP-BY-STEP –


PASSO 1: imposta il tuo obiettivo basato sui risultati

Quando ci si pone un obiettivo, e’ “basato su risultati” generalmente numerici: per esempio dimagrire 5 kg, camminare 10.000 passi al giorno, fare 1 ora di allenamento, e cosi via. Quello e’ il punto dove vuoi arrivare: puoi visualizzarlo come la citta’ d’arrivo su una mappa.


Pensare solo a quello non risulta costruttivo per una grande ragione: un obiettivo basato sui risultati non considera quel che accade “step-by-step”!


Se non consideri il percorso per raggiungere la tua citta’, diventa altissima la probabilita’ che tu ti perda per strada! Quello che serve e’ una “road map” dove puoi vedere ogni tappa.


Quindi, se il tuo obiettivo e’ perdere 5 kg, la prima cosa a cui devi pensare sono i mezzi che hai realisticamente a disposizione, sia interiori che esterni, per poterlo raggiungere.


PASSO 2: AVERE CHIAREZZA SUI TUOI “PERCHE’

Un obiettivo va inserito nella tua struttura di valori per capire se e’ davvero allineato con te stessa, i tuoi reali bisogni e la tua routine: perche’ vuoi perdere 10 kg? Perche’ pensi che tornare ad indossare quei vestiti che ti stavano cosi bene e’ per te cosi importante? Perche’ quei 5 kg ti “pesano” cosi tanto?...


Analizzando il tuo obiettivo piu’ profondamente ti dai molte piu’ chances di raggiungerlo. Prova a porti le seguenti domande e vedi cosa succede:

  • Perche’ credi che raggiungendo il tuo obiettivo migliorera’ la tua vita?

  • Forse perdere quei 10 kg ti permettera’ di svolgere attivita’ quotidiane con minor fatica, avrai piu’ energia per giocare con i tuoi figli o nipoti, o ti fara’ sentire piu’ a tuo agio con il tuo partner

  • Cosa sei realisticamente disposta a fare per raggiungere il tuo obiettivo?

  • Per esempio, sei disposta ad investire economicamente in un abbonamento fitness, o a pianificare tempo per te al di fuori del lavoro e/o della famiglia per allenarti, o a cucinare in modo diverso x te e per il resto della famiglia, ecc…

  • Cosa non sei disposta ad investire?

  • Magari sei disposta ad abbonarti ad un programma fitness ma non a dedicarci piu’ di mezz’ora al giorno per 2 volte a settimana al massimo

  • Vuoi raggiungere quest’obiettivo per te stessa o per qualcun altro(partner, famiglia, pessione sociale)?

  • Questo e’ un punto molto importante da focalizzare.

  • Come pensi ti sentirai dopo aver raggiunto il tuo obiettivo? Visualizza la tua immagine!


Piu’ sicura di te? Piu’ forte? Piu’ snella? Piu’ serena nella tua relazione con il cibo? Piu’ presente nelle attivita’ dei tuoi figli?...Io per esempio se penso a me a 70 anni mi visualizzo come una signora elegante, con una bella postura e modo di muovermi, che chiacchera con le sue amiche.


E perche’ non dovrei??

  • Quando voglio raggiungere il mio goal? E’ questa timeline realistica con la mia vita attuale? In altre parole, ho in questo momento della mia vita le enegie e le isorse giuste pe raggiungelo in un ceto lasso di tempo?


PASSO 3: STABILISCI I TUOI OBIETTIVI BASATI SUL COMPORTAMENTO

Non possiamo controllare sempre il risultato finale, ma possiamo controllare i nostri comportamenti, quello assolutamente si (uhuhuhuh questa frase e’ diventata uno dei miei Mantra assoluti!!).


Quello che si fa o non si fa, ha sempre delle conseguenze.


Gli “obiettivi basati sul comportamento” sono le azioni – “steps” che tu hai la volonta’ e la possibilita’ di attuare nel percorso verso il tuo goal finale.


Eccola li la tua road-map!


Come puoi sapere da dove partire, con quali azioni iniziare?


Inizia scrivendoti una lista delle azioni che sei disposta ad intraprendere: come detto prima possono essere l’abbonarti ad un programma fitness, specificando realisticamente quanto tempo alla settimana vuoi dedicare, se sei disposta ad alzarti una volta a settimana mezz’ora prima e dedicarla ad un allenamento, ecc…Anche piccolissime azioni di cambiamento contano.


Da questa lista poi scegli quelle che ti sembrano piu’ facili da eseguire e quelle che ti creano piu’ entusiasmo e parti da li.


Ora sei pronta ad iniziare! Per le prime due settimane focalizzati sulle prime azioni scelte, una o due. Stai focalizzata su quello, senza pensare che non sia abbastanza; stai gia’ facendo tantissimo!


Se riesci a potarle avanti al 90%, allora sei pronta per aggiungere un’altra azione per le due settimane successive, e cosi via. In questo modo stai costruendo la tua routine sulla base di quello che sei veramente disposta ed in grado di fare.


Non c’e’ fretta: la cosa piu’ importante e’ la costanza.


Se in qualsiasi momento aggiungi un nuovo comportamento e ti accorgi di diventare meno costante, di non riuscire a mantenerlo, fai un passo indietro e riparti da quello che ormai fa parte della tua routine: ricordati che ti stai settando per il successo, cioe’ per il cambiamento nel tempo delle abitudini che non ti permettevano di essere come vuoi.

23 visualizzazioni0 commenti
bottom of page